Tuscania, presentato il piano di riqualificazione totale del quartiere popolare

L'Ater, sostenuto da Enea e Università, si è impegnato in un progetto di totale riqualificazione dello storico quartiere popolare ex Gescal

Viterbo -

Ieri pomeriggio Ivan Grazini, commissario straordinario dell'Ater, ha raggiunto Tuscania per illustrare il piano di totale riqualificazione del quartiere popolare ex Gescal.
Di fronte ad una sala gremita, l'Ater con la consulenza tecnica di Enea ed Università ha spiegato nel dettaglio gli interventi previsti. In un arco di due anni, verrà effettuato in cappotto isolante per pareti e solai. Gli attuali terrazzamenti, ad oggi la maggior causa di infiltrazioni e danni, verranno alleggeriti e completamente rifatti. Il Comune, coorganizzatore dell'incontro, ha già stanziato in bilancio il rifacimento di strade, marciapiedi e punti luce.
As.I.A. Usb, presente alla presentazione, prende atto con piacere dell'impegno preso da Ater e Comune per restituire un alloggio e un quartiere dignitoso ai residenti. La determinazione degli inquilini, sempre sostenuti dal sindacato, è stata un pungolo per enti e istituzioni, che ha permesso di accendere la situazione sulla gravità dei problemi del quartiere ex Gescal.
As.I.A. Usb, come ha ribadito il rappresentante nazionale Angelo Fascetti, considera la presentazione di ieri un punto di partenza. Il sindacato infatti continuerà ad operare sul territorio per tutelare i diritti e la salute degli inquilini e vigilerà sulla completa realizzazione del progetto.

 

 

As.I.A. Usb Viterbo

Simona Moretti

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati