LA LIBERTÀ DELLA DIVERSITÀ

USB al Gay Pride di Roma 11 6 2016

Viterbo -

Noi non ci accontentiamo, noi non ci facciamo ingannare.

Nelle boutique di Burberry, prima ancora della legge sulle unioni civili, abbiamo ottenuto una grande vittoria: l’estensione dei 15 giorni di ferie matrimoniali anche per le coppie dello stesso sesso. Un conquista di civiltà, l’abbiamo definita, e siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto.

 

Il brand Burberry annusa le tendenze e vive di moda. Anche i diritti civili possono servire alla moda e garantire un’immagine accattivante e moderna ai negozi che vogliono catturare la clientela “di tendenza”. Questo non cambia la soddisfazione che proviamo per aver strappato una fetta di diritti in più, ma ci fa guardare con meno ingenuità a quello che succede.

 

Nel commercio, così come in tutti gli altri settori del lavoro, i diritti e le libertà stanno rapidamente scomparendo e la discriminazione sta diventando uno strumento per dividere e frammentare ancora di più i lavoratori. Stanno cancellando le domeniche e ii negozi restano aperti h24, con la complicità di Cgil, Cisl e Uil. Per una lavoratrice della grande distribuzione gli affetti, la famiglia, la socialità ed il riposo vengono dopo, molto dopo, gli interessi delle aziende.

 

La legge sulle Unioni Civili, non solo, è molto meno di quello che tutto il movimento LGBTQI rivendica da anni, ma viene approvata mentre diritti elementari come la salute, l’istruzione, la casa, il lavoro, ecc. vengono sistematicamente smantellati dal Governo Renzi.

 

Mentre soffocano la libertà, cancellando anche la Costituzione, provano ad ingannarci con piccole ed insufficienti concessioni. Noi non intendiamo accontentarci delle loro “mancette elettorali”!

 

Unione Sindacale di Base

Per un sindacato diverso i diritti civili e i diritti sociali

sono inscindibili: VOGLIO LAVORO E STATO SOCIALE

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni