Il lavoro precario distrugge l'amore?

L’introduzione del Jobs Act ha modificato molto il concetto di lavoro e diritti del lavoratore, influendo sulla società e i rapporti che si instaurano all’interno di essa

Viterbo -

 

Facciamo un esempio: Se Roberto e Consuelo si volessero sposare, potrebbero farlo. Anche se Consuelo fosse una cittadina spagnola e, trovandosi in Italia, non avesse ancora trovato lavoro, Consuelo potrebbe chiedere la residenza e poi sposarsi.

 

Ma se si trattasse di due uomini? Allora Marco e Josè vorrebbero sposarsi. Vorrebbero iscriversi al registro delle coppie di fatto di Viterbo. Josè è cittadino spagnolo e lavora, ma viene pagato con dei voucher, da una famosa ditta internazionale. I voucher non sono un contratto di lavoro e quindi non può prendere la residenza, non prendendo la residenza non si può unire civilmente.

 

Un po’ il cane che si morde la coda. E non solo, essendo straniero non può nemmeno ritirarli questi voucher.

 

Questo è il fantastico mondo del precariato e delle nuove assunzioni. Dove i voucher sostituiscono il tempo determinato e il contratto a tempo determinato sostituisce il contratto a tempo indeterminato. E il lavoro stabile? Non esiste più il lavoro stabile e non esiste più nessuna garanzia lavorativa.

 

L’introduzione del Jobs Act ha modificato molto il concetto di lavoro e diritti del lavoratore, influendo drammaticamente sulla società e i rapporti che si instaurano all’interno di essa.

 

Ma si sa, l’amore supera ogni barriera e, tenacemente, Marco e Jose continuano a credere di poter passare una vita insieme. Con la legge sulle Unioni Civili, sarà possibile“civilizzarsi” in Comune alla presenza del Sindaco. Bisogna solo aspettare l’attuazione dei decreti attuativi e poi accederanno alla reversibilità, al diritto di successione, potranno recarsi in ospedale per assistere il proprio amore e acquistare punteggio per avere una casa popolare.

 

Marco e Jose dovranno solo aspettare qualche mese per coronare il loro sogno, anche se i voucher remano contro la loro stabilità di famiglia e nessuno ancora sembra rendersi conto, quanto tutto quello che è stato conquistato da decenni di lotte e sofferenze, si sia ormai sgretolato, al grido: “Abbasso il vecchio, viva il nuovo!”

 

Emanuela Dei

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni