Aumento tariffe acqua Talete : "Non ce la beviamo" chiede la convocazione urgente di un Consiglio Comunale Aperto a Viterbo

Viterbo -

 L’acqua quale elemento indispensabile per la vita è bene della Comunità e le scelte sul suo futuro non possono essere gestite con deleghe in bianco.
I Cittadini sono i custodi dei beni comuni, come tali devono garantirne la restituzione alle generazioni future e pertanto hanno il diritto/dovere di partecipare alle scelte che incidono sul futuro dell’acqua.
Un consiglio comunale aperto per discutere sulle scelte tariffarie e sulle modalità di miscelazione, che sembrerebbero previste, per la soluzione della presenza di arsenico è il minimo per una democrazia partecipativa.
Il Sindaco e i Sindaci devono spiegare la motivazione per la quale hanno votato l’aumento delle  tariffe e il piano e noi come al solito “non ce la beviamo”.

COMITATO  NON CE LA BEVIAMO

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati