Acqua pubblica, Usb: "Quattro anni di nulla di Zingaretti"

Regione Lazio, nulla di fatto al Consiglio Regionale; fino ad oggi disattese le promesse del Presidente Zingaretti di istituire gli Ambiti di Bacino Idrografico.

Viterbo -

Il presidente Nicola Zingaretti e l’assessore Refrigeri hanno disertato l’incontro convocato per mercoledì 22 novembre sulla gestione dell’acqua, rimandandolo – ancora una volta – alla prossima settimana, nonostante le ultime dichiarazioni di schierarsi dalla parte dei Sindaci che avrebbero avviato il percorso della ripubblicizzazione.

Ci domandiamo, quindi, se esista veramente la volontà di rendere esecutiva la legislazione in materia attraverso i decreti attuativi.

Dopo il referendum propositivo del 2011, che aveva visto una preponderante vittoria in favore della ripubblicizzazione , nel 2014 la legge 5 fu votata all’unanimità dal Consiglio Regionale del Lazio; in essa era prevista una gestione locale, equa e trasparente della risorsa idrica, ma in tre anni nulla è stato fatto.

L’Usb, come parte integrante del comitato Non ce la beviamo, denuncia come il Consiglio Regionale avrebbe dovuto istituire gli ambiti di bacino idrografico entro sei mesi dall’approvazione della legge; dopo quasi quattro anni di vuoto assoluto, non permetteremo che il Presidente Zingaretti utilizzi strumentalmente il tema dell’acqua per raccogliere consensi in vista delle scadenze elettorali.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati