Comune di Viterbo: fioccano gli incarichi esterni, ma i dipendenti aspettano ancora la produttività 2016.

Viterbo -

Riguardo l’avviso pubblico del Comune di Viterbo, l’Usb denuncia molti dubbi, sia nella forma che nella scelta politica, per l’incarico esterno di Direttore scientifico del Museo civico.

Innanzitutto i tempi: un bando pubblicato il 18 dicembre in cui è stabilita la scadenza del 3/1 come termine di presentazione delle domande, risulta a nostro giudizio inadeguato in quanto un periodo così limitato e soprattutto coincidente con le festività natalizie non consente una corretta accessibilità al bando.

Ma non è solo la forma a non convincere. L’Usb non comprende perché il Comune scelga di impegnare una somma di 40.000 euro in due anni per un incarico esterno che assicuri una presenza di sole tre volte a settimana, senza alcuna indicazione delle ore di lavoro, quando potrebbe disporre di personale qualificato già in servizio presso il Museo, in possesso dei  requisiti previsti dal bando.

Si sarebbe potuto procedere con una selezione per il conferimento della qualifica richiesta che avrebbe comportato una spesa di gran lunga inferiore (circa il 15% dell’intera cifra messa a disposizione per il bando) e avrebbe risolto il problema non solo per due anni ma a tempo indeterminato.

Ciò, se fatto a tempo debito, avrebbe consentito l’iscrizione presso l’O.M.R. (organizzazione museale regionale) e l’accesso ai relativi fondi, che per il 2017 ci risultano ormai persi.

Il risparmio di spesa avrebbe potuto consentire l’avvio di qualche nuovo contratto per i giovani, che in questa città sarebbe urgente e necessario.

Registriamo, inoltre, che la professionalità del personale già in servizio viene mortificata per l’ennesima volta dagli incarichi esterni e ricordiamo al Comune che i dipendenti devono ancora percepire la produttività del 2016 e del 2017.

Paola Celletti